Arte a Noale

Il centro di Noale caratterizzato dal centro medievale con la Rocca, le torri e l’antico borgo, ha rappresentato un crocevia di

Pala con San Giovanni Battista tra gli apostoli Pietro e Paolo del Carpaccio

Pala con San Giovanni Battista tra gli apostoli Pietro e Paolo del Carpaccio (c) http://www.noalenostra.org/

vicende umane ed artistiche significative. Dopo diversi decenni in cui la critica tendeva ad identificare la mano di un autore minore del XVI secolo, è recente il riscatto operato da un accreditato studioso locale circa l’attribuzione della pala del Duomo di Noale a Vittore Carpaccio (1465-1525), celebre pittore della generazione dei Mantegna, dei Perugino e dei Signorelli. Si tratterebbe di un dipinto su tavola raffigurante “San Giovanni Battista tra gli apostoli Pietro e Paolo”, risalente ai primi anni del XVI secolo. La tecnica pittorica esibita nel dipinto, confermata come autentica da numerosi particolari, conferma il Carpaccio tra i vertici artistici del suo tempo, superato solamente, negli ultimi anni della sua vita, da giganti della grandezza di Leonardo Da Vinci, Tiziano, Giorgione Michelangelo.

Originario di Noale fu invece un altro illustre pittore, attivo verso la fine del XIX secolo. Si tratta

Egisto Lancerotto

Egisto Lancerotto “She loves me… she loves me not…”

di Egisto Lancerotto (Noale 1847 – Venezia 1916). Trasferitosi presto a Venezia per seguire il padre funzionario dell’Impero Asburgico, ebbe lì occasione di frequentare l’Accademia di Belle Arti sotto la direzione dei più significativi insegnanti del tempo, e di sviluppare tematismi artistici di genere legati a rappresentazioni di vita quotidiana, secondo i dettami di un implicito filone verista caratterizzante l’arte del suo tempo. Sue opere furono messe in mostra all’Esposizione Universale di Parigi nel 1878 e a quella del 1889, ad Anversa (1885), a Londra (1884 e 1888), Nizza e Monaco di Baviera. Il Comune di Noale possiede un’ampia raccolta di opere, disegni e schizzi preparatori delle opere di Egisto Lancerotto, attualmente esposta presso le diverse sedi comunali, in attesa di essere adeguatamente valorizzata in un’idonea sede museale.

SCOPRI IL NOSTRO ITINERARIO: I LUOGHI DELLA MUSICA E DELLA CULTURA

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *